To Jesus you are a VIP

[…] Nella samaritana alla fontana Gesù si rivolge certo a questa singola donna, ma anche al tempo stesso a ogni peccatrice, a ogni peccatore. Non per una persona sola Gesù si è seduto stanco all’orlo della fontana: quaerens me sedisti lassus! Non è dunque soltanto un “esercizio pio” se io mi metto al posto di questa donna e recito la sua parte: non solo la posso recitare, la devo recitare questa parte, anzi io sono da lungo tempo coinvolto in questo dialogo senza che me ne sia stato chiesto il permesso. Sono io questa anima sconvolta che esce ogni giorno ad attingere l’acqua terrena perché non sa più nulla dell’acqua celeste che ella va in realtà cercando. […] È dunque troppo poco vedere negli incontri e colloqui del Vangelo soltanto “esempi”, allo stesso modo che, poniamo, un’opera epica presenta esempi di coraggio, ad imitare i quali si sente incitato il ragazzo che legge. Giacché la Parola, che là si è fatta carne per poter parlare con noi, intende in ogni singola volta ogni reale singola volta, intende in ogni peccatore che si converte ogni peccatore, in ogni ascoltatore che è seduto ai suoi piedi ogni ascoltatore».
[H.U. Von Balthasar, Nella preghiera di Dio, Jaka Book, Milano 1983, 13-14]

Guercino, Cristo e la samaritana

“[…] A questo punto dobbiamo tenere presente che non parliamo di persone del passato.
Dio, il Signore, ha chiamato ognuno di noi, ognuno è chiamato con il NOME suo.
Dio è così grande che ha tempo per ciascuno di noi, conosce me, conosce ognuno di noi per NOME, personalmente. È una chiamata personale per ognuno di noi.
Penso che dobbiamo meditare diverse volte questo mistero: Dio, il Signore, ha chiamato me, chiama me, mi conosce, aspetta la mia risposta come aspettava la risposta di Maria, aspettava la risposta degli Apostoli.
[Benedetto XVI, Lectio divina, 4 marzo 2011]

∞∞∞

“Il Pastore chiama i suoi per nome (cfr Gv 10,3). Egli mi conosce per NOME.
Non sono un qualsiasi essere anonimo nell’infinità dell’universo.
Mi conosce in modo del tutto personale. Ed io, conosco Lui?

[Benedetto XVI, omelia nella solennità degli Apostoli Pietro e Paolo, 29 giugno 2011]

Annunci

Lascia un commento... vuoi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...