btw: Non solo scrivere, ma anche tradurre bisogna

Solo quattro, per iniziare. Con parsimonia. Da questi, altre fonti.

 Herudolph – Traduttrice letteraria – Scouting letterario e traduzione per l’editoria e lo spettacolo

 La stanza del traduttore – Raccoglie spaccati di vita, ricordi, frammenti del quotidiano di chi lavora dietro le quinte di un libro: il traduttore, l’autore invisibile per eccellenza.

 Biblit – Idee e Risorse per Traduttori Letterari


 Tradurre
– pratiche teorie strumenti – …da notare la precedenza delle pratiche sulle teorie.

Advertisements

4 thoughts on “btw: Non solo scrivere, ma anche tradurre bisogna

  1. in effetti il lavoro dei traduttori è poco apprezzato, rispetto all’importanza che ha, e fai molto bene cara C.D. a scriverne e segnalare

    purtroppo il mio inglese e francese sono assai modesti, per cui non ho la possibilità di capire se una traduzione è valida, anche se qualche volta anch’io ho visto degli strafalcioni

    forse però una buona traduzione è quasi meglio dell’originale, perchè se il traduttore è un conoscitore profondo di un autore, finisce che mentre lo traduce, in qualche modo lo spiega

    per esempio giorgio colli come traduceva nietzsche (non so il tedesco, me lo hanno riferito…)

  2. Esatto, D.
    Tradurre non è mai una fatica letterale, si sa; ma ideativa.
    Un lavoro di precisione, ma non arido.
    E’ come riscrivere un testo senza tuttavia modificarlo nella sostanza, ma piuttosto ‘aprendolo’ a nuove possibilità espressive (ovviamente, le altre lingue) come se si innestasse nella sua gola un set di corde vocali in più.
    (Comunque, anch’io nonostante gli anni di lingue, adesso lontani, non sono in grado di valutare, almeno non a buon livello, una traduzione. Qualcosa più in inglese, qualcosa meno in tedesco; e ancor meno in letteratura).

    Una volta pensavo che fossero i traduttori stessi ad apporre i titoli, poi mi è stato detto (da una traduttrice) che nella maggior parte dei casi ciò viene fatto da appositi titolisti.
    E lì sono stragi, bagni di sangue.
    Recente il dibattito a proposito de ‘La montagna incantata’, che torna – giustamente, pare – ad essere ‘magica’.

Lascia un commento... vuoi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...