Aria fresca

Vedere che a condurre il rosario ci sono anche dei preti giovani mi suscita sempre una gioia particolare, come quando si morde una caramella frizzante (sapete no?, quelle al limone o all’arancia).
Infallibilmente rinfresca l’aria tendente al ristagno del mio paesaggio mentale, mi ricorda il genere di “pace” che solo la fede porta.
Dopo oltre due anni non ho mollato la presa, e anche se riesco a pregare molto meno di quanto vorrei continuo a percepire la netta differenza tra l’essere almeno presente alla consueta trasmissione da Lourdes e il saltarla, seppure occasionalmente.
Mi capita di ripensare a quei momenti in cui cambiare canale e abbandonarmi alla litania nelle “braccia” del divano corrispondeva quasi all’aver trovato una zattera, in una mezz’ora di bonaccia; perché di fatto naufraga e stremata lo ero sul serio. Allora non mi chiedevo niente, prendevo e mi aggrappavo e basta. Mi lasciavo andare.
Il segreto per farlo “funzionare” è sempre questo.

Advertisements

Lascia un commento... vuoi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...