Il corpo che vorrei

Sembra il titolo di una canzone…
… ma il corpo che vorrei è semplice, molto semplice, e pulito, snello, come il tuo di giovane uomo visto in coda alla posta.
Sì, uomo, perché almeno nel mio modo di immaginare e sentire è un corpo più facile da gestire, con meno complicazioni.
Anche nell’abbigliamento: infatti indossi solo un paio di pantaloncini sportivi morbidi, che sottolineano senza volere quello che devono, e una maglietta leggera. Scapole ben definite e fianchi marcati.
Capo rasato, ma quello ce l’ho pur’io. (E quanto ne sono fiera!).
Il corpo che vorrei macina chilometri e in fretta – se non lo fa, è perché s’è rotto un tendine, o ha preso una distorsione. Perché è un corpo sano: prima o poi sarà vecchio, ma è una parola che vuol dire tutto e niente. A quel punto, comunque vada, avrà vissuto.

E non parzialmente; senza mai toccare con mani, piedi, cuore e polmoni cosa provano gli altri corpi nel pieno delle loro possibilità.

Advertisements

Lascia un commento... vuoi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...