Ferite

Un tempo le mie ferite, anche quelle piccine tipo taglio sotto l’unghia, sanguinavano copiose.
Ora tutte – ma in particolare quelle serie – producono un sottile rumore di fondo, sordo e costante. Ottuso. Rare le occasioni in cui riacuiscono la memoria dolorando come arti fantasma.

Non so se sia davvero meglio ora, anche se l’impressione è quella.
Non so neppure se significhi qualcosa, e sospetto che saperlo non serva a nulla.
Guardo le mie amputazioni e sorrido.
Sì. “Sorridi, tanto è uguale”.

 

Advertisements

Lascia un commento... vuoi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...